Clima | Il sole del Sud sui versanti alpini

Il clima mite, alpino e mediterraneo dell’Alto Adige - che registra ben 300 giornate di sole all’anno - è una carta vincente per la viticoltura di questa terra.

Grazie ai rilievi della catena alpina che si ergono a settentrione, i vigneti sono protetti dai venti freddi e dagli influssi meteorologici avversi provenienti dall’Atlantico e dall’Europa del Nord, mentre verso Sud l’Alto Adige si apre, come un abbraccio pronto ad accogliere le correnti mediterranee che spirano dal Lago di Garda e dal mar Mediterraneo, coccolando le vigne con una brezza tiepida. In più, la presenza del Lago di Caldaro - il più grande lago naturale balneabile dell’Alto Adige e il più caldo di tutto l’arco alpino - ha un influsso assai benefico sul clima mite di Caldaro.

I terrazzamenti su cui sorgono i vigneti sono rivolti prevalentemente a Sud e Sudest, affinché l’irraggiamento solare produca i risultati migliori durante il giorno. Di notte, invece, i venti discendenti della Costiera della Mendola sono una garanzia naturale di un’ottima escursione termica. Proprio da queste differenze termiche così marcate fra il giorno e la notte, oltre a una temperatura media di 18 gradi durante la crescita dei grappoli, e a precipitazioni sufficienti, derivano il bouquet spiccatamente fruttato e la freschezza tipicamente “alpina” dei vini prodotti in questa zona.